Pappagalli Inseparabili | Allevamento Calopsite e Roseicollis

ALLEVAMENTO PAPPAGALLI INSEPARABILI
AGAPORNIS ROSEICOLLIS E CALOPSITE

DI VINCENZO DE CONCILIIS

Vai ai contenuti

Trappole per topi fai da te

Notizie Utili


TRAPPOLE PER TOPI FAI DA TE

Vedere dei topini negli allevamenti è frequentissimo,dal punto di vista della trasmissione di malattie questi topi di campagna sono innocui ma comunque creano parecchi problemi sino ad arrivare al punto di entrare nei nidi e mangiare le uova o uccidere i piccoli pulli,senza contare che si riproducono molto rapidamente e il loro numero aumenta in modo esponenziale.

Ecco perchè a volte la lotta a questi roditori diventa senza quartiere e nonostante gli sforzi non sempre ne usciamo vincitori.

Di seguito illustro come costruire alcune semplici piccole trappole che hanno in comune il risultato di non uccidere il piccolo topo che volendo possiamo liberare in campagna lontano dal nostro allevamento.

Trappola numero 1

Per fare questa trappola possiamo anche usare modificandolo anche qualche vecchio nido.
Le foto sono molto esaustive e non hanno bisogno di descrizione.

IndietroPlayAvanti

Trappola n.2
Materiale occorrente
Un bicchiere
Una molla e un grissino


La trappola illustrata in figura funziona in questo modo: il topo, attratto dall'esca, entra sotto il bicchiere, rosicchia il grissino e, così facendo, sposta la molla che teneva il bicchiere sollevato e ci finisce sotto.
presenza della molla permette un minimo ricambio d'aria, il topo non rischia quindi di soffocare.






Trappola n.3

Materiale occorrente
una bottiglia a collo alto e una molla a spirale



Nella terza trappola si mette l'esca dentro una bottiglia a collo largo e si infila una spirale decrescente nel collo. Il topolino riesce a entrare allargando la spirale. Le spire sono sufficientemente ampie per permettere al topo di entrare, dall'esterno, ma non lo sono altrettanto dal lato interno.






Trappola n.4




Per realizzare questa semplice ed efficace trappola occorre una piccola damigiana a collo largo.
,una tavoletta da appoggiare sull'orlo della damigiana.
Il topo arriva sull'orlo tramite la tavola sente l'odore del cibo e salta dentro la damigiana poi ci rimarrà perché non potrà uscirne.

Note: nelle trappole bisogna sempre introdurre dei semi,cereali o formaggio stagionato di cui i topolini sono ghiotti.
Non toccare con le mani nude il pezzettino di cibo che poni dentro la trappola.


L'utilizzo di questo tipo di trappole consente di catturare i topolini vivi in modo da poterli liberare in seguito (ovviamente molto lontano dall'allevamento).

Home Page | Chi sono | Specie Allevate | Genetica | Alimentazione | Riproduzione | Malattie e Cure | Notizie Utili | Link Amici | Cosa Cedo | Contatti | Regalo\Present | ultima modifica | PALMARES | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu