Pappagalli Inseparabili | Allevamento Calopsite e Roseicollis

ALLEVAMENTO PAPPAGALLI INSEPARABILI
AGAPORNIS ROSEICOLLIS E CALOPSITE

DI VINCENZO DE CONCILIIS

Vai ai contenuti

Tabella di FELTCH- Allevare in consanguineità

Riproduzione

TABELLA DI FELTCH


Coefficiente o percentuale di consanguineità:

Per consanguineità si intende l'accoppiamento che si discosta dalla media della popolazione per quanto riguarda il suo coefficente di in-breeding o line-breeding.

Se un maschio viene accoppiato con le sue figlie, i prodotti saranno consanguinei nella proporzione del 25%.
Se queste figlie sono di nuovo accoppiate col maschio originale, si avrà un altro grado di consanguineità del 12.5 % per un totale del 37,5%.
Se il maschio originale dovesse ancora essere usato per fecondare le ultime figlie, si avrebbe un ulteriore aumento del 6.25% per un totale del 43,75%, ad un così alto livello di consanguineità molto probabilmente andremo incontro a inconvenienti


Allevare per 2 o 3 generazioni unendo dei parenti stretti non credo che sia un metodo molto funzionale di selezione perchè operando in questo modo si ottiene solo di ripartire da zero (cioè da un patrimonio genetico non stabile) ogni 2 o 3 generazioni!

La consanguineità va utilizzata come strumento selettivo costantemente avendo però l'accortezza di allevare 3 o più linee da utilizzare poi per eventuali (pochi) tagli di sangue.


Se ben applicata, e disponendo del giusto numero di riproduttori, la consanguineità può essere continuata per un tempo indefinito.

Bisogna però applicare un rigido programma di selezione scartando non solo i soggetti fuori standard, ma anche tutti quelli poco fertili, delicati, eccessivamente nervosi, ecc.

Si dice che dopo la 5 generazione non ci sia più una parentela genetica tra due riproduttori, ma zootecnicamente parlando, un certo grado di omozigosi è presente in ogni unione tra appartenenti alla medesima razza.

Quello che cambia è solo il coefficente di consanguineità stessa adottata.


Uno degli schemi che si possono seguire partendo con una coppia di soggetti è la tabella di
FELCH allegata, che consente di giungere fino alla quinta generazione prima di dover immettere sangue nuovo.

La tabella di FELTCH mette in evidenza quanto detto sopra e detta le linee guida per l'allevamento selettivo.

La tabella evidenziando sulla linea maschile gli accoppiamenti del maschio capostipite con M1 ed F2 innalzando ovviamente la percentuale di consanguineita'.La prima cosa che si nota è che dagli F3 in poi il capostipite non viene più usato ma al suo posto si usa un suo figlio e da questo accoppiamento in poi si abbassa il livello di consanguineita' col maschio capostipite.

Se guardate attentamente la traccia evidenziata della colonna centrale nella tavola in verde e vi soffermate sulle percentuali di sangue di maschio e femmina che sono nei grafici a torta noterete che gli accoppiamenti sono fatti in modo da ottenere a ogni generazione successiva almeno una coppia di mezzosangue che periodicamente viene usata per riequilibrare la percentuale di consanguineita'.

Gli accoppiamenti in consanguineita' controllata servono a creare una linea di sangue cioè portare allo stato omozigote dei caratteri eterozigoti e quindi renderli trasmissimili con maggior facilita' alla prole.

Fra i rischi della consanguineita' troppo spinta c'è quello di portare alla luce anche caratteri indesiderati che magari fino a quel momento erano latenti , di abbassare la fertilita' del gruppo e di ridurre la taglia.

Quindi alla fine ci vuole un po' di giusta misura senza mai esagerare tenendo un occhio al genotipo e uno al fenotipo per non rischiare poi di estinguere le caratteristiche che si volevano preservare anche se a volte gli schemi fatti a tavolino per selezionare una linea non trovano riscontro pratico dagli accoppiamenti.
Questo potrebbe forse essere anche questa è una delle chiavi di un allevamento in purezza di successo.

Spesso, anzi troppo spesso, la realtà cozza contro quelle che sono le nostre teorie genetiche.

Purtroppo, un allevatore deve decidere che strada intraprendere nella scelta delle sue strategie di selezione.

Infatti, le decisioni da prendere se volessimo creare una linea pura per i caratteri che ci interessano non sarebbero le stesse se l'intento è di produrre una linea rustica.


Un modo giusto per iniziare è quello di creare almeno due linee consanguinee ma non collegate tra loro da parentela genetica e incrociarle poi tra di loro.




Home Page | Chi sono | Specie Allevate | Genetica | Alimentazione | Riproduzione | Malattie e Cure | Notizie Utili | Link Amici | Cosa Cedo | Contatti | Regalo\Present | ultima modifica | PALMARES | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu