Pappagalli Inseparabili | Allevamento Calopsite e Roseicollis

ALLEVAMENTO PAPPAGALLI INSEPARABILI
AGAPORNIS ROSEICOLLIS E CALOPSITE

DI VINCENZO DE CONCILIIS

Vai ai contenuti

I PALLID

Genetica

L'Agapornis Roseicollis Isabelladi "Gianni Davito"

Ho iniziato la scrittura di questo articolo pensando al bisogno di fare un po' di
chiarezza su quel che riguarda la mutazione Isabella nell'Agapornis Roseicollis.
Ogni stagione mostre che passa la lasciamo alle spalle con mille questioni
e perplessità, pensiamo che molti temi vengano risolti con l'anno a venire ma
poi ci accorgiamo che l'anno dopo siamo ancora lì, gli stessi, con gli stessi dubbi
irrisolti dell'anno prima. Ho introdotto il mio articolo con questa premessa
perché la questione della mutazione Isabella ed il suo standard sono realtà del
nostro hobby che non vengono prese in considerazione. Ogni anno ho la fortuna
di visitare molte mostre, di sentire molti pareri e di vedere molti errori. Tutti noi
facciamo errori, ma questi devono servirci a migliorare per fare poi passi avanti.
Fare l'allevatore richiede tantissima passione e sacrifici ma anche lavoro duro,
questo patrimonio và rispettato! La mutazione Isabella è stata sempre molto allevata
ed esposta in special modo in alcune zone d'Italia dove arrivarono già
molti anni fa le prime importazioni dall'Olanda, sovente gli Isabella importati
dai Paesi Bassi erano accoppiati in crossing over o con i Cannella o con i Lutini
specialmente per migliorare questi ultimi, chi avesse preso come esempio quegli
uccelli per iniziare una selezione avrebbe sicuramente impiegato molto tempo
per ritornare su un Isabella di standard accettabile.
Negli ultimi anni il numero degli ingabbi degli A.R. Isabella è decisamente
calato alle esposizioni, chi li alleva preferisce talvolta tenerseli a casa piuttosto
che sottoporli a giudizi confusionari che variano di mostra in mostra. Ma
vediamo in breve cosa dice lo standard Italiano su questa mutazione, il dorso,
la nuca e le ali devono essere di color giallo dorato con riflessi oliva. Il petto,
il ventre ed i fianchi devono essere di un giallo dorato più chiaro con riflessi
verdastri. E le remiganti di color cannella. Alcune informazioni ornitologiche
raccolte sul Web e una ricerca basata su alcuni standard di altre nazioni, tra le
quali Belgio ed Olanda e di molti club specializzati in Agapornis, tra i quali il
B.V.A. che è il più grande club di Agapornis in Europa si riscontra che il pensiero
su questa mutazione non segue la filosofia Italiana a partire già dal nome
Isabella considerato improprio per questa mutazione. Il nome comunemente
utilizzato è PALLID e lo si può trovare già in tante federazioni Europee ed in
uso in quasi tutti i club specializzati in Agapornis d'Europa, America e Australia.
Tra l'altro questa nomenclatura viene anche utilizzata per la stessa mutazione
nelle altre specie di Psittacidi. Nel Genere Agapornis invece trovaremo
la mutazione Isabella solo negli A.Roseicollis. Ma partiamo comunque facendo
un po' di chiarezza su quanto succede geneticamente nell'Isabella. Questa
14
Maschio pallidino
"derivato da crossing
over tra isabella e
lutino"
Maschio isabella
"derivato da isabella
con verde ancestrale"
mutazione dell'A.R. causa approssimativamente un 50% di riduzione visibile
dell'eumelanina, il risultato è un uccello giallo tendente al verde con rifrazioni
verdi su tutto il corpo, più marcate sul dorso, molto più omogenee sul petto,
ventre ed addome. La maschera è di color rosso brillante in quanto l'eumelanina
non ha agisce su di essa.. Le remiganti sono grigio chiaro. Il groppone è
azzurro, le zampe, dita ed unghie sono carnicine. Il becco è corneo. I pullus
hanno gli occhi rossi alla nascita che diventano poi bruni nei giorni seguenti.
Queste tonalità di colore e sfumature aumentano in proporzione per i fattori
scuri, vale a dire per gli Isabella Verdi Scuri e gli Isabella Oliva. L'Isabella ha
un eredità legata al sesso ed è una mutazione originaria dell'Australia. Il primo
Isabella nacque nell'allevamento del sig. Stoney negli anni 70. Inizialmente
fu chiamata Cannella Australiano in quanto essendo un fattore legato al sesso
si comportava esattamente come un Cannella, in tutti i suoi aspetti, ma ben
presto si scoprì che il gene del Cannella non è allelomorfo dell'Isabella, stiamo
quindi parlando di due mutazioni diverse. Accoppiando invece un Isabella
verde con un Lutino possiamo ottenere uccelli intermedi con una colorazione
mista tra le due mutazioni e non uccelli ancestrali. Questo prova che il gene
dell'Isabella è allele al lutino perciò i maschi che escono da questo accoppiamento
vengono solitamente chiamati con il termine Pallidini, che sarebbe la
mescolanza tra un Isabella ed un lutino. Le femmine al contrario non potranno
mai essere Pallidine in quanto questa mutazione è situata sul cromosoma X.
Se noi accoppiamo gli Isabella con i Lutini o con i Cannella otterremo colorazioni
intermedie e non ben precise, questi uccelli non presentano uno standard
definito e quindi non hanno valore ai fini espositivi. In questo schema potrete
osservare alcune combinazioni di accoppiamenti che aiuteranno a capire meglio
i risultati di accoppiamento del crossing over tra l'Isabella ed il Lutino.
M. Pallid verde X F. Lutino
Maschi : 50% Pallidino verde
Femmine : 50% Pallid verde
M. Lutino X F. Pallid verde
Maschi : 50% Pallidino verde
Femmine : 50% Lutino
M. Pallidino verde X F. Pallid verde
Maschi : 25% Pallidino verde
25% Pallid verde
Femmine : 25% Lutino
25% Pallid verde
M. Pallidino verde X F. Verde
Maschi : 25% verdi/ Pallid
Maschi : 25% verdi/ Lutino
Femmine : 25% Pallid verde
Femmine : 25% Lutine

Definiamo ora il discorso nomenclature, come abbiamo visto un Isabella non
può rispondere alla terminologia di Cannella Australiano in quanto non è un
Cannella e di bruno questa mutazione quando è in purezza non ha proprio nulla.
Anche il nome Isabella che è stato sempre molto usato non è corretto in quanto
Isabella è un termine conosciuto nel mondo dei canarini di colore per un sesso
legato che è la combinazione del Bruno con l'Agata. Agata nei canarini è l'equivalente
di Pallid negli Agapornis Roseicollis. L'Isabella nei canarini è derivato
dal crossing over tra il Cannella e l'agata, quindi applicato alle specie dei pappagalli
diventerebbe Cannella-Agata. Se proprio volessimo usare un termine corretto
per questa mutazione dovremmo chiamarla Agata che come abbiamo visto
è poi la traduzione di Pallid. Pallid e molte altre nuove terminologie ricercate
appositamente dal gruppo Mutavi per gli Psittacidi le potrete trovare con le corrispondenti
traduzioni al termine di questo articolo, la speranza è che un giorno
si possa avere dei nomi da utilizzare comuni per tutte le nazioni. Questo agevolerebbe
sicuramente il compito dei giudici ma anche degli allevatori. Il fatto di
aver chiamato con un nome non corretto una combinazione di due mutazioni
ha portato molta confusione negli allevatori e nella selezione del vero Pallid.
Come abbiamo visto è molto facile sbagliare quando una mutazione si presta
al crossing over, il consiglio è quello di selezionare sempre le varie mutazioni
con soggetti ancestrali e se possibile evitare di mescolarle. Esiste comunque un
eccezione a tutte queste teorie, la possiamo trovare nella mutazione Lacewing
negli Ondulati Inglesi. Questa mutazione è la combinazione tra il Cannella e
l'Ino. Il termine Lacewing giustifica giusto il Fenotipo in questa specie e non in
altre specie di Psittacidi. Alcune ricerche sulla mutazione Pallid nel testo sono
stati gentilmente offerte dall'allevatore Dirk Van Den Abeele.
Davito Gianni

Home Page | Chi sono | Specie Allevate | Genetica | Alimentazione | Riproduzione | Malattie e Cure | Notizie Utili | Link Amici | Cosa Cedo | Contatti | Regalo\Present | ultima modifica | PALMARES | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu